Nubiana

LA GRANDE IMPRESA CHE SALVÒ I TEMPLI DI ABU SIMBEL

Comunicato stampa

L'Egitto nell'Opera Italiana

I Cameristi della Scala dedicano un concerto alla Triennale di Milano al 50° anniversario del salvataggio dei templi di Abu Simbel, con musiche tratte dall’opera “Aida” di Giuseppe Verdi

Comunicato stampa
Il 22 settembre del 1968 il sole che sorge sulla valle del Nilo disegna nuove ombre. È un giorno speciale per l’Egitto e per il mondo intero perché vengono completati i lavori di spostamento dei templi di Ramses II ad Abu Simbel. Cinque anni di lavori ai quali hanno partecipato 2.000 uomini impegnati per 40 milioni di ore e che hanno visto il coinvolgimento delle aziende di costruzione migliori al mondo. Una corsa contro il tempo per mettere in sicurezza i due templi dall’invaso di acqua che sarebbe nato dalla costruzione della diga di Assuan.


L’incredibile risultato raggiunto si porta sulle spalle un bagaglio di fatica e una dose unica di eccellenza ingegneristica mai sperimentata prima. Per cinque anni gli uomini impegnati nel cantiere di Abu Simbel fecero un lavoro meticoloso, che presentava grandi difficoltà tecniche da risolvere in tempi brevi e e richiedeva abilità specifiche inusuali. Salini Impregilo partecipò a quell’impresa, ricevendo l’incarico di smontare i templi, sezionati in 1.070 blocchi, e di costruire la collina artificiale, simile all’originale, che sarebbe diventata la loro nuova dimora, conservandoli così all’ammirazione delle generazioni future.

Videogallery

Video 2
video 4

Preserving the past for future generations

Salini Impregilo sente ancora l’orgoglio di aver scritto alcune pagine di quella storia e ricorda con ammirazione, attraverso la pubblicazione di un libro dedicato in collaborazione con il Museo Egizio di Torino, tutti quegli uomini che, con abilità e competenze uniche, portarono a compimento l’impresa.

Smontare due templi e rimontarli altrove, ricostruendo alla perfezione il loro ambiente, era un’idea visionaria e una frontiera per il nostro settore, chiamato ad esprimere il massimo dell’eccellenza per evitare che quel patrimonio fosse danneggiato o addirittura perso per sempre.

Scopri il libro in Salini Impregilo Library, la biblioteca virtuale dove sono raccolte le pubblicazioni più prestigiose del Gruppo

An unprecedent challenge: 3000 anni di storia in immagini

Comunicati e Note Stampa
Rassegna stampa